Peredonov, il demone meschino

di Fëdor Sologub

Provate a costruire nella vostra mente l’uomo più meschino, superbo, egocentrico, egoista, falso, superstizioso, credulone, ipocrita e ottuso che possiate immaginare.

Fatto?

Ecco a voi Peredonov!

Peredonov, è un professore ginnasiale in una, non specificata, cittadina provinciale della Russia zarista. Convive ormai da tempo con la sua amante Varvàra presentandola come sua sorella.

Questa relazione dipende, esclusivamente, dal fatto che la principessa Volčànskaja gli ha promesso un avanzamento di carriera, ma solo nel caso in cui sposerà Varvàra. Intorno a Peredonov si intrecciano le vite di una serie di donne che vorrebbero sposarlo nella speranza di una buona sistemazione, la stessa Varvàra è interessata a lui soltanto per motivi economici.

Il matrimonio però tende a tardare e Varvàra è sempre più spaventata dalla possibilità che qualcuna possa rubargli Peredonov. Decide quindi di farsi portare all’altare con l’inganno.

Come se Varvàra non bastasse lo stesso Peredonov si metterà i bastoni tra le ruote. Convinto che tutti non facciano altro che provare invidia nei suoi confronti e tentare di sabotarlo comincia a recarsi dalle più importanti istituzioni per difendersi dalle ingiurie ( inesistenti) che girano sul suo conto.

Ma Peredonov, come vi anticipavo, è ottuso! Finisce quindi per complicare irrimediabilmente la sua situazione e cadere in un vortice di pazzia, superstizioni e visioni tanto da non riuscire più a distinguere la realtà dalle immagini dovute alla sua follia.

È un insieme di personaggi assurdi e grotteschi quelli che Sologub ci presenta, sono davvero in pochi quelli che si salvano, ma allo stesso tempo finiscono per risultarci simpatici.

Dalle primissime pagine mi sono ritrovata a pensare che questo testo sarebbe perfetto per il teatro, cambiando un po’ alcuni aspetti poteva diventare benissimo un pezzo teatrale recitato da Eduardo, oppure in televisione da Totò e Peppino.

È un classico della letteratura russa, davvero poco conosciuto nel resto d’Europa, che vi consiglio assolutamente di recuperare.

Fatemi sapere se lo conoscete e lo avete letto!

Vi ricordo che se volete potete trovarmi su Instagram come the_black_cat_books.

A presto,

G.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...